INFORTUNI, LA LISTA SI ALLUNGA: IL PUNTO

2022-09-19 07:39:28 By : Ms. Kyra Yu

Il bollettino medico si allunga. E all'elenco dei lungodegenti Gonzalez e Duncan (Castrovilli è un caso a parte) si sono uniti nel giro di una settimana Milenkovic con la Juventus e Dodo ieri. Dell'argentino e del ghanese in particolare non si hanno più notizie e si è perso nel tempo anche il quadro clinico: Gonzalez con la Juventus era in panchina a fare presenza ma ha giocato per intero solo la gara di andata con il Twente mentre fino al ritorno in Olanda compreso ha collezionato solo tre spezzoni da 4, 14 e 18 minuti perché è stato alle prese prima con un problema all'anca fin da Moena poi con la tallonite; Duncan invece si è fermato per una botta in Austria con Galatasaray, poi, dopo 61 minuti col Twente all'andata e 45' con l'Empoli e una panchina in Olanda il 25 agosto, ha accusato un affaticamento e, complice la nascita del figlio, non se ne è saputo più nulla, se non che - a metà della scorsa settimana -sarebbero serviti altri tre giorni prima di vederlo in gruppo perciò si presume di vederlo già oggi allenarsi con gli altri. Qualità e muscoli dei due giocatori ora servirebbero come il pane.

Milenkovic, che aveva un problema all'adduttore alla fine ha dovuto arrendersi contro la Juve (nonostante fosse stato risparmiato con l'Udinese) e ne dovrebbe avere per un'altra settimana. Di Dodo, utilizzato per tre partite consecutive nell'intenzione di farlo crescere grazie al minutaggio. Dopo il primo report in cui si è evidenziato un "problema muscolare al gemello mediale della gamba destra", in queste ore si dovrebbe capire anche l'entità del danno dopo gli esami strumentali.

Senza dimenticare che Sottil al 45' è uscito un po' claudicante (è davvero la sua camminata o ha problemi fisici?). Infine Zurkowski non è stato neanche convocato per rimanere ad allenarsi a Firenze, evidenziando dunque dei problemi di forma visto che tra infortuni fin da Moena e mercato il polacco sembra il lontano parente di quello di Empoli. Certo è che non è l'unico a non essere in forma e giocare ogni tre giorni crea inevitabilmente problemi di allenamento e infortuni così come la Fiorentina non è l'unica squadra ad averli, basta guardare i tanti ko nelle altre squadre, sia per una stagione iniziata troppo presto e con un caldo disumano sia per un calendario per alcuni club - tra cui quello viola -troppo fitto.